News

Pubblicato Domenica, 23 Ottobre 2022

Per la robotica una crescita senza precedenti

Dopo il biennio 2019-2020, con i ricavi congelati dall’emergenza Coronavirus, nel 2021 il mercato dei robot industriali ha registrato a livello globale una crescita senza precedenti. Secondo l’ultimo rapporto World Robotics di IFR (Federazione Internazionale della Robotica) i nuovi robot industriali installati nel 2021 nelle fabbriche di tutto il mondo sono 517.385, che rappresenta un tasso di crescita del 31% su base annua e supera del 22% il record pre-pandemia di installazioni di robot nel 2018. Secondo il rapporto, l’Italia è il secondo mercato di robot più ampio in Europa dopo la Germania.

La robotica nel mondo

A livello globale, l‘Asia rimane il mercato più grande al mondo per i robot industriali. Il 74% di tutti i robot di nuova implementazione nel 2021 è stato installato in Asia (2020: 70%).

Il Giappone è rimasto secondo alla Cina come mercato più grande per i robot industriali. Le installazioni sono aumentate del 22% nel 2021 con 47.182 unità. Lo stock operativo del Giappone era di 393.326 unità (+5%) nel 2021. Dopo due anni di declino delle installazioni di robot in tutte le principali industrie, i numeri hanno ricominciato a crescere nel 2021. Il Giappone è il principale paese produttore di robot al mondo: le esportazioni di robot industriali giapponesi hanno raggiunto un nuovo livello massimo di 186.102 unità nel 2021.

La Repubblica di Corea era il quarto mercato di robot più grande in termini di installazioni annuali, dopo Stati Uniti, Giappone e Cina. Le installazioni di robot sono aumentate del 2% a 31.083 unità nel 2021. Ciò ha fatto seguito a quattro anni di cifre di installazione in calo. Lo stock operativo di robot è stato calcolato in 366.227 unità (+7%).

Negli Stati Uniti le installazioni di robot sono aumentate del 14% a 34.987 unità nel 2021, che ha portato a superare il livello pre-pandemia di 33.378 unità nel 2019. L’industria automobilistica ha installato 9.782 robot industriali nel 2021, che ha rappresentato il 64% delle installazioni nordamericane nell’industria automobilistica nel 2021. Tuttavia, questa quota era solita superare la soglia del 70% negli anni precedenti, La quota di installazioni nell’automotive è diminuita di un altro 7% nel 2021 negli Stati Uniti, mentre le installazioni nel Messico e Canada sono aumentate rispettivamente del 92% e del 72%.

L’industria dei metalli e dei macchinari negli Stati Uniti è aumentata del 66% a 3.814 unità nel 2021, mettendo questo l’industria al secondo posto in termini di domanda di robot.

I robot in Europa


Le installazioni di robot in Europa sono aumentate del 24% a 84.302 unità nel 2021. Questo rappresenta un nuovo picco. La domanda dall’industria automobilistica è stata stabile, mentre la domanda dall’industria generale è aumentata del 51%. La Germania, che appartiene ai cinque principali mercati di robot nel mondo, ha una quota del 28% delle installazioni totali in Europa.

Segue l’Italia con il 17% e la Francia con il 7%. Il numero di robot installati in Germania è cresciuto del 6% a 23.777 unità nel 2021. Si tratta del secondo numero di installazioni più alto mai registrato, dopo il picco causato dai massicci investimenti dell’industria automobilistica nel 2018 (26.723 unità). Come detto, l’Italia è il secondo mercato di robot in Europa dopo la Germania. A spingere i risultati del 2021 sono stati gli effetti del recupero dalla pandemia di Covid-19 e gli acquisti precedenti dovuti a una riduzione dei crediti d’imposta nel 2022.

Il mercato dei robot in Francia si è classificato al terzo posto in Europa nel 2021 per installazioni annuali e stock operativi, dopo Italia e Germania. Nel 2021, le installazioni di robot sono aumentate dell’11% a 5.945 unità. Lo stock operativo di robot in Francia è stato calcolato in 49.312 unità, con un aumento del 10% rispetto all’anno precedente.

Nel Regno Unito, le installazioni di robot industriali sono diminuite del 7% a 2.054 unità. Lo stock operativo di robot è stato calcolato a 24.445 unità (+6%) nel 2021. Si tratta di meno di un decimo dello stock tedesco. L’industria automobilistica ha ridotto le installazioni del 42% a 507 unità nel 2021.

I settori: elettronica al primo posto


Tutti i settori hanno riportato una crescita forte e a doppia cifra nel 2021. L’elettronica si conferma il primo mercato di destinazione dei robot, con 137.000 unità istallate nel 2021, in aumento del 24% sul 2020. Anche l’automotive e il settore dei metalli e delle macchine tornano a registrare forti trend di crescita.

Nello specifico, sono 119.000 i robot istallati nel corso del 2021 nell’automotive – una trend trainato dalla domanda di veicoli elettrici – e 64.000 nel settore dei metalli e delle macchine, con una crescita annua rispettivamente del 42% e 45%.

Le istallazioni nel mercato della plastica e dei prodotti chimici sono aumentate del 29% raggiungendo 24.000 unità istallate, mentre nel food la crescita è stata del 18%, con 15.000 robot istallati nel 2021.